Ristorante Il Carpaccio  di  Acri

Cucina storica calabrese rivisitata con cuore


Il ristorante Il Carpaccio di Acri allieta dal 1994 i propri ospiti con la propria cucina ispirata alla migliore tradizione enogastronomica calabrese. Fondato dal 1994 dai coniugi Ottavio Miceli e Assunta insieme ai figli Alessandro e Gianluigi, il locale è citato dalle più importanti guide di settore e accreditato tra i migliori ristoranti tipici della regione. L’esperienza ultraventennale di ristorazione e di ricerca di qualità e l’incantevole contesto paesaggistico ne fanno il luogo ideale per scoprire le delizie locali. Arredato in stile rustico, il ristorante è affacciato sugli splendidi panorami della gola del Mucone, un tempo ritrovo di pastori, lavandaie e centro di primo piano per lo scalo delle merci e l’attività ortofrutticola. In questa splendida cornice paesaggistica, popolata di colline verdeggianti, macchia mediterranea e antichi casolari, memori dell’antica cultura rurale, si assaggiano prodotti genuini  e numerose preparazioni fatte in casa, a cominciare dalla pasta fatta a mano, accompagnati da una ricercatissima carta dei vini e dei distillati.


Un angolo della Calabria rinomato in tutto la regione per la varietà e la qualità dei suoi prodotti eccellenti:Il Suino Nero Allevato al pascolo, le castagne, i funghi, il Tartufo Nero e bianco Del Pollino,Lo Zafferano Silano,I Fichi,Il Pane di Calabria, Il Caciocavallo Podolico,I Formaggi di capra , le patate Della sila,Le verdure selvatiche, L’alta salumeria Calabrese ,La pasta fatta a mano,Il Miele di Fichi, L’arte conserviera Calabrese gli Oli... Qui Al Carpaccio Di Acri si Lavora con i pochi prodotti  del territorio, in contatto diretto con i nostri fornitori di fiducia:  Sono questi pochissimi  prodotti locali a guidare la nostra mano Ma Soprattutto il Nostro Cuore. Siamo profondamente legati alla terra, D’altronde siamo figli di mezzadri. Più precisamente:ai doni del’orto e alla sua logica antica, primitiva, che nel corso di questi anni ha assunto sempre più spazio nel nostro lavoro. In ogni stagione, il cuore del nostro lavoro sta nell’impiegare al meglio appieno tutto ciò che proviene dal campo e da gli ultimi contadini che ancora portano i loro pochi prodotti al mercatino del paese. In un orto, non esistono quattro stagioni. Le stagioni sono decine, addirittura centinaia: ogni giorno c’è qualcosa di diverso, e il nostro ruolo è trovare a ogni vegetale la giusta collocazione nel piatto.


  • Vini

    Vini

    La nostra cantina è come il menù, cambia con le stagioni. Così anche la nostra proposta di vini e di Birre Artigianali. Questo ci permette di creare un legame tra il vino e il piatto, da ingredienti alla pari dell’esperienza gastronomica.

    Non amiamo l’idea tecnica di abbinamento, vogliamo piuttosto, vini gastronomici e lasciamo scegliere agli ospiti: cosa ama bere in genere, cosa avrebbe voglia di riassaggiare, che zone vorrebbe scoprire, quanto è disposto a uscire dalla sua zona di comfort per scoprire un vitigno nuovo o una tecnica di vinificazione poco convenzionale, naturale e biodinamica.

  • IL Territorio

    IL Territorio

    Qui Al Carpaccio Di Acri si Lavora con i pochi prodotti del territorio, in contatto diretto con i nostri fornitori di fiducia Sono quei pochissimi  prodotti locali sopravvissuti a guidare la nostra mano Ma Soprattutto L'amore per il nostro territorio. Siamo profondamente legati alla terra, D’altronde siamo figli di mezzadri. Più precisamente:ai doni del’orto e alla sua logica antica, primitiva, che nel corso di questi anni ha assunto sempre più spazio nel nostro lavoro. In ogni stagione, il cuore del nostro lavoro sta nell’impiegare al meglio appieno tutto ciò che proviene dal campo e dai piccoli contadini che ancora si trovano al mercatino. In un orto, non esistono quattro stagioni. Le stagioni sono decine, addirittura centinaia: ogni giorno c’è qualcosa di diverso, e il nostro ruolo è trovare a ogni vegetale la giusta collocazione nel Piatto.

  • Acri cittadina Presilana

    Acri cittadina Presilana

    Il centro urbano Di Acri è situato a 720 ms.l.m.ai piedi della Silae della montagna della Noce e il suo territorio si estende per oltre 20.000 ettari (fra i quattro più vasti dell'intera regione con San Giovanni in Fiore,Reggio CalabriaLongobucco). Porta Nord dellaSila, la parte più antica, dalla quale è possibile osservare le alte cime delPollino, domina la valle de lMuconee la valle del Crati. Gli abitanti si chiamano Acresi, ma da alcuni decenni emerge la tendenza a usare Acritani, che traduce con immediatezza il dialettale acriteani .

    MUSEI E BIBLIOTECHE

    All'interno del palazzo Falcone, nel cuore del centro storico, è presente il MACA Museo Arte Contemporanea Acri.

    Museo del Beato Angelo nei locali del convento dei Padri Cappuccini.

    Biblioteca Comunale nei locali della Fondazione PadulaChi desidera approfondire la storia della Calabria e di Acri può spaziare anche tra numerosi siti turistici posizionati nei dintorni del ristorante. Tra questi, Acri, Luzzi, Rende, Cosenza, Bisignano e Montalto Uffugo.